giovedì 30 aprile 2009

Coffee Machine 2 – Favole



[ma quanto mi piace la sigla di Lady Oscar???]

Caronte è un mio collega a cui voglio veramente bene. Ci divertiamo a lasciare andare i discorsi così a cazzo. E loro vanno. Vanno. Vanno.

Caronte lo chiamiamo così perché di solito è quello che ci riporta a casa dopo ettolitri di bruciabudella. E anche perché è vietato, per una qualsiasi coppia di fidanzatini, salire sulla sua macchina. Infatti una volta scesi nel 99% dei casi finiscono per lasciarsi entro sette giorni, al massimo nove. Caronte e la sua auto, il traghettatore dell'amore perduto.

Oggi siamo lì alla pausa caffè. Io prendo una roba col ginseng che mi provoca immediatamente un'erezione dissimulata con chiavetta USB nella tasca. Lui si spara un ricchissimo orzo con retrogusto di tè al limone.

Parliamo di favole, che lui ha famiglia. E arriviamo a delle conclusioni inattaccabili.

Cenerentola è veramente una storia bastarda. Totalmente diseducativa. Abbiamo il solito stronzo azzurro con un fottio di soldi che decide di organizzare un festone per trovare la pollastrella della sua vita. Ovviamente il tipo blu col cavallo sceglie moglie tenendo in considerazione solo tette culo e il se-me-la-dà-facile. Il discorso della scarpetta nemmeno ve lo commento che se no dite che sono scurrile. Dall'altra parte abbiamo una bella topa che non ha voglia di fare assolutamente un cazzo nella vita. E si inventa la storia della matrigna e delle sorellastre. In realtà pensa solamente a scarpe, zucche (macchine), vestiti, castelli. Alla bella vita. Insomma questi sono i concetti che insegnate ai vostri pargoletti quando gli raccontate Cenerentola. Fate voi.

Poi c'è il discorso della Principessa sul Pisello. Caronte mi ha dato finalmente una valida interpretazione. La favoletta non è affatto diretta alle femminucce. No. Per niente. Dovete raccontarla ai vostri figli maschi. La storia narra di questa tipa che dorme su un miliardo di materassi e che, la volta in cui la sorella nasconde un vibratore giù in fondo ma proprio in fondo al letto, si incazza come un bufalo strepitando che assolutamente non riesce a dormire e che nessuno si prende cura di lei. E' altamente educativa come primo approccio al mondo femminile. Per far capire al vostro piccolo cosa l'aspetterà da grande con le donne. Comprenderà così che in futuro qualsiasi cosa farà, qualsiasi cosa dirà, qualsiasi cosa penserà, per la sua lei sarà sempre comunque e inequivocabilmente sbagliata. Raccontatela. Raccontatela.

(si ringrazia G.R. Caronte).

9 commenti:

Sapo ha detto...

Non oso immaginare cosa pensiate di Cappuccetto Rosso...

NikkoHell ha detto...

Abbiamo deciso che si impasticca. Altrimenti non si spiega come faccia a confondere la nonna col lupo.
Quindi è un favola con un messaggio corretto. Non ti impasticcare che altrimenti hai le allucinazioni. Meglio se bevi, come il cacciatore, che alle brutte ci vedi solo doppio.

Laura ha detto...

Lo sapevo, le favole nascondono (ma manco tanto) un'anima maschilista... Però devo farvi i complimenti per come sono state reinterpretate: io leggendoti mi rendo conto di non avere tutta questa fantasia... E mi perdo decisamente qualcosa!

p.s.Ma la storia della scarpetta???

MeA ha detto...

ahhahahhahah geniale XD mi fa morire!

Federico Distefano ha detto...

Se il Ginseng e l'Orzo al Limone fanno di questi effetti, domani provo a prenderli mischiati!
Chissà che non mi prenda una vena fiabesca degna dei Grimm...
"Larga è la foglia, stretta è la via, dite la vostra ch'io ho detto la mia"...
:)
Ciao e buonanotte!

P.S.= In quanto al Centro Commerciale "Porte di Roma", sono d'accordo con te, ha creato un vero e proprio fenomeno di randagismo umano, all'interno di quell'infernale parcheggio.
E non è molto affidabile neppure il sistema di freccine verdi e rosse per parcheggiare: stai seguendo una freccia verde e quella si fa rossa improvvisamente, quando ormai sei penetrato in profondità nella zona senza posti liberi...

NikkoHell ha detto...

Io sono come Tibia, il fratello di Omero. Scrivo ciò che capto nel mondo. Mi chiamano Tibia l'Antenna.

NikkoHell ha detto...

@Fede sta cosa del randagismo umano mi suona davvero bene. Cmq una volta devo provare a girarlo tutto quel parcheggio. Che secondo me la gente in realtà fa sempre lo stesso giro. E magari c'è un punto dove non c'è passato mai nessuno. Che ne so. Una roba così.

caronte ha detto...

non dimenticare la riconoscenza di biancaneve che nemmeno una annusatina al cacciatore che le salva la vita e invece tutto il servizio completo al principe necrofilo che la palpa mentre è in coma.

ma perchè ti scrivo se possiamo generare teorie alla macchinetta?

NikkoHell ha detto...

Carramba che sorpresa!!!!!!!!
Il mitico traghettatore d'amore ci degna di un suo commento!

Mi scrivi perchè alla macchinetta tu ti accompagni con altri loschi figuri...:)

Post più popolari