mercoledì 26 agosto 2009

Vojo fa' outing 8 - La vroom del humm ha un pfff nella guumm

Ecco. Qualcuno faceva notare che quando parto, sul trenino verso il Da Vinci o all'aeroporto stesso, mi imbatto sempre in tette mirabolanti che fanno gridare all'ottava meraviglia del mondo.

Ecco. Mica sempre succede sta cosa.

Per esempio l'altra volta ero al settimo minuto di viaggio, su circa cinquanta totali di treno da Fiumicino a Stazione Nomentana più altri quindici di camminata, insomma ero lì e mi si sono aperte le acque. Mi è scesa un'esigenza di cagare che non vi sto a spiegare. Insopportabile. Come avere un cric che ti si allarga tra le chiappe. Sudore, tanto sudore. Con quel caldo poi, meno male che di domenica verso le 19 non c'era quasi nessuno a bordo. Arrivato a casa e fatto in modo di diminuire drasticamente la pressione anale, ho immediatamente chiamato mia moglie per vantarmi della stoica resistenza. In un perfetto inglese le spiegavo che il suo maritino, il sottoscritto, aveva assolutamente bisogno di cambiare culo perchè quello attuale si era irrimediabilmente bucato. Pfffffff. Così le ho detto. E non ha nemmeno chiesto il divorzio. La forza dellammòre.

E lei ha piazzato la domanda che non ti aspetti. Ma come hai fatto a resistere per i restanti cinquantotto minuti? Ehm come dire. Ognuno ha i suoi tatticismi di sopravvivenza. Per non cagarsi addosso in quei frangenti è necessario ridurre la spinta dall'interno verso l'esterno. Lo stronzo va palleggiato, messo di lato, va lasciato spazio al gas di seguire la sua via. Di liberarsi. Di espandersi. Per ogni micro-scoreggia si riescono a ottenere financo cinque o sei minuti di pace.

Poco prima di scendere ho quindi mollato le quattro scariche che mi avrebbero permesso di raggiungere casa. Mi sono guardato alle spalle, ho visto che non c'era nessuno e ho sganciato delle robe che lì per lì mi sono parse innocue. Poi mi sono parse preoccupanti. Molto preoccupanti. Rancide a andate a male sopraggiungerei. Ma che soddisfazione però. Ho letto poi che il lunedì su quella linea la gente se ne andava in giro con maschere antigas. Durature e persistenti per giunta.

Comunque, nell'attimo in cui si aprivano le porte io sulle note di Indietro di Tiziano Ferro (tanto io i testi suoi non li capisco, per me potrebbe anche parlare di petomania, non so) intonavo il canto

oh oh oh oh ohohoh (guardandomi alle spalle e con fare imbarazzato)
io voglio regalarti la mia scìa
chiedo tu sniffi tutta la mia scìa ora
ti do questa notizia in conclusione
ho i boxer un po' chiazzati di marrone vedi
e so che serve tempo non la tengo...

Vi invito assolutamente a cantarla insieme. Vi voglio tanto bene.



La versione inglese con l'inciso che fa "Vinceeeenzo" è un must...



In effetti ora che ci penso qualcuno faceva anche notare che ho sempre degli sconquassi intestinali. Magari potrei cominciare una nuova serie ma invece di Sangue e Merda potrei chiamarla Tette e Loffe.

PS - cercando loffe su google il primo risultato che mi è uscito è questo. La mia patatina fa le loffe. Porco cazzo.

12 commenti:

Pupottina ha detto...

O_O
questo post è senza veli.... se non si contano i veli della carta igienica ....
p.s. Tiziano Ferro non lo capisco nemmeno io cosa vuole dire, forse sarà troppo criptico, ma le sue canzoni mi entrano in testa.... sarà che sono una uguale all'altra? un po' come Meneguzzi.... ma quest'ultimo, canta ancora?

Pupottina ha detto...

che risposte alla poveretta che non ha peli sulla lingua!!!

Remì ha detto...

Penso di non aver mai riso così tanto oggi :D ... Una Buona Giornata...

Laura S. ha detto...

Te lo facevo notare e te lo faccio notare ancora, diavolo!!!
XDD
Non è mica possibile, sai??!
Magari è legato allo stress e all'alimentazione!!!
Comunque, grande post.
Fa sempre bello farsi due sane risate!
Seppoi si parla di cacca...XDDD
(Una mia amica stava male per un attacco di cacca, potente!! Solo che eravamo in treno ed il bagno era chiuso. Era diventata bianca in volto! Che bei momenti...XD)
E comunque come già ti dicevo sul mio blog...No.
I testi del Tiziano sono una serie di parole prese a caso dal vocabolario, che finiscono nello stesso modo!
Tipo:
Casa, scusa, musa, chiusa....Ecc...
XDD
Ciao!

Erica ha detto...

Troppo divertente! Comunque tutta la mia comprensione va a tua moglie! Una santa donna!

NikkoHell ha detto...

Credo che a Meneguzzi gli abbiano sparato mentre cantava a un concerto. Il killer è stato fatto santo.

Vale ha detto...

quindi eri te lo scorreggione di ritorno da fiumicino?!?!?!?!?

NikkoHell ha detto...

opporcapaletta tu eri quella lì in fondo a cui a un certo punto ho visto prender fuoco i capelli????
opporcocazzo.

oceanomare ha detto...

ke forte ke sei! pensa ke io da qua pensavo fosse scoppiato un reattore di qualche fabbrica a Marghera... ih ih ih!!!

peppermind ha detto...

Questo è un post molto VOLGAAAARE, ma essendo io uno d quelli che anche a 80 anni si fermerà con gli amicici a dire parolacce di nascosto (figa, figa peloooasss, etc etc), e a ridere: ho riso molto.

Accurata la descrizione delle tecniche di contenimento in sinergia con le correnti gascompresse...

Errante ha detto...

E' proprio vero: non si finisce mai di imparare! Oggi ho scoperto tecniche che potrebbero tornarmi utili in futuro (in un giorno assai lontano, spero).

Temo tuttavia che le tue tattiche sarebbero state assolutamente controproducenti se ti avesse preso il famigerato "squaraus"...

OneNightInPoang ha detto...

porca miseria, è una delle cose peggiori che possono capitarti in treno.
a me è successo dopo aver mangiato un panino alla stazione di milano, preso il treno, dopo bologna ho iniziato a star male, ma male male.
sono riuscito ad arrivare fino a casa dove ho sfondato la porta a calci per raggiungere il bagno il prima possibile...

Post più popolari