martedì 8 dicembre 2009

Trash 20 - Gli Amici Regalano Libri

Mi rendo conto di avere degli amici veramente speciali. Prendi ad esempio Lucrezio, Qekue e la piccola Cristofora, che conoscendo la mia passione per i libri e resisi conto che nell’ultimo periodo non faccio altro che parlare di merda, han pensato bene di regalarmi un libercolo dal titolo “La cacca. Storia naturale dell’Innominabile” di Davies Nicola (ma guarda il caso...).

La veste grafica è di ottima fattura, la copertina infatti si presenta di un colore diarrea semi-solida sì che è un piacere soppesarlo tra le mani e scorrerne le pagine.
I contenuti poi risultano decisamente più interessanti di quel che uno potrebbe immaginare di primo acchito, ci sono perle di saggezza applicabili tranquillamente alla nostra personale storia di tutti i giorni.

Frullando le pagine, così a cazzo come piace tanto fare a me con i libri - il che spiega come mai mi vanto di leggerne un trecento l’anno - in effetti li sfoglio rapidamente e butto l’occhio dove capita tracannando solo le parole che il caso e la fortuna decidono di donarmi, ecco in questo modo qua mi è capitato di imparare qualcosa di nuovo.

E’ la storia dell’importazione dello scarafaggio stercoraro, d’ora in poi rinominato lo Scarrararo, in quel continente dove la gente cammina a testa in giù e l’acqua sparisce negli scarichi dei lavandini creando vortici che girano al contrario. L’Australia insomma.

Ecco in quel posto lì a un certo punto della storia del mondo l’uomo decise di importare il bovino europeo. Se non sapete a cosa mi stia riferendo, alzate il mento un momento dal vostro pc e ruotate la testa di 90 gradi, il collega che si scaccola lì vicino a voi ne è un ottimo esempio. Il bovino europeo è noto per le sue carni saporite ma anche perché produce letteralmente montagne di merda, a chi non è capitato di finire con un piede nella cacca, modello pozza, di una mucca e perdervici la scarpa? A me, ve lo dico, è successo due volte.
La cosa simpatica ora sta nel fatto che lo Scarrararo australiano non aveva mai nemmeno lontanamente visto la cacca di bovino europeo sicché la snobbava rifiutandosi di produrre le sue solite pallette di escrementi e di rotolarle via da qualche altra parte. Gli allevatori locali si ritrovarono quindi con tonnellate di merda, che persistevano lì dove i simpatici bovini europei avevan deciso di mollarle, e furono invasi da nuvoloni di mosche banchettanti.

Joe Toilette a quei tempi era un appassionato di fauna, in particolare di insetti vari e farfalle. In realtà a lui fregava un cazzo delle farfalle ma aveva capito che con quelle si scopava un bel po’ visto che le donne sembravano apprezzare le sue collezioni.
Per due motivi sarebbe stato sacrosanto assegnare il premio Nobel a Joe Toilette, primo per questa cosa delle collezioni di farfalle e poi perché si rese conto che l’esemplare di Scarrararo che aveva preso in Europa risultava diverso da quello australiano, probabilmente per il buco nell’ozono, vallo a sapere. Si fece allora mandare una decina di Scarrarari dal vecchio continente, cinque esemplari maschi e cinque femmine, e si mise a studiare il diverso comportamento tra quelli che indossavano gli zoccoli - i 10 provenivano infatti dai Paesi Bassi - e quelli che portavano il cappello di Mr. Crocodile Dundee. Questi ultimi come detto schifavano la cacca di bovino, mentre gli olandesi ci sguazzavano dentro facendola sparire in un battibaleno.
Suggerì quindi al governatore di quei tempi di importare una quintalata di Scarrarari europei in terra australiana, risolvendo brillantemente il problema della puzza e delle mosche che affliggeva gli australiani, i quali oltretutto erano oramai costretti ad andare in giro scalzi per paura di perdere le scarpe. Gli allevatori lo portarono in trionfo e gli dedicarono il nome della latrina pubblica, che da quel giorno chiamaron tutti Toilette.

Siccome io cerco sempre degli insegnamenti in quel che leggo, per migliorare il mio e l’altrui presente, è da quando ho letto queste pagine che mi sto portando in ufficio un paio di Scarrarari al giorno, lasciandoli poi liberi di pascolare.
Ho la speranza che facciano sparire i troppi stronzi che aleggiano da quelle parti.

Chissà. Io sono un sognatore.

3 commenti:

Lindalov ha detto...

ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh!
sei un mito!!!!

Laura S. ha detto...

Una soluzione pratcissima, ad un problema vero, se non altro...
XD
Davvero due volte in quella di mucca?

MeA ha detto...

Ma che storia affascinante v.v
Riuscissi anch io a trarre pezzi di libro sensati quando leggo a muzzo...

Comunque la parte finale è da applausi XD

Post più popolari