martedì 14 luglio 2009

Io sciopero perchè ne ho diritto

IMBAVAGLIATI!



Clicca sul logo della campagna per aderire anche tu, o per avere maggiori informazioni.
Per la prima volta nella storia della Rete i blog entrano in sciopero. Accade oggi, con una giornata di rumoroso silenzio dei blog italiani contro il disegno di legge Alfano, i cui effetti sarebbero quelli di imbavagliare l'informazione in Rete. Il cosiddetto obbligo di rettifica, pensato sessant'anni fa per la stampa, se imposto a tutti i blog (anche amatoriali) e con le pesanti sanzioni pecuniarie previste, metterebbe di fatto un silenziatore alle conversazioni on line e alla libera espressione in Internet.

6 commenti:

fatacarabina - remedios ha detto...

:)

ps: ma a Gazzo, te no?

Laura ha detto...

Scusate la domanda da ignorante, ma l'obbligo di rettifica in cosa consisterebbe (o come si attuerebbe)...? Ho letto qua e là, ma non ho trovato una spiegazione...

Ecco e oggi nessuno mi risponderà tra l'altro...

Anonimo ha detto...

@Laura:l'obbligo di rettifica consiste nel rettificare una notizia data entro 24 ore se non corrispondente al vero.
Almeno così mi sembra, se non avviene scattano le sanzioni.
Sig

NikkoHell ha detto...

Io niente faccia da Gazzo ahimè.
Io faccia da 50 gradi all'ombra. porcazzozz

Bab ha detto...

stai ancora scioperando? se non scrivi mi tocca leggere la gazzetta

Federico Distefano ha detto...

x Laura:
E' un po' più complicata la questione ma (in poche parole) si tratta dell'obbligo di pubblicare "nella stessa forma e rilevanza" una smentita a informazioni false, date su qualcuno o qualcosa, entro 48 ore dalla richiesta di rettifica o di rimozione presentata dalla parte lesa o dai suoi legali.
E' da leggere molto a fondo, analizzando tutti i rimandi a leggi vecchie e nuove, prima di pronunciarsi in maniera definitiva.
Un problema che vedo immediatamente, però, è legato proprio a quel limite di 48 ore che può essere un grave problema, per esempio, se il blogger a cui viene richiesta una rettifica sta in vacanza, non ne sa nulla e non ha accesso al blog.
Non tutti stanno attaccati alla rete 24 ore su 24, in qualsiasi luogo si trovino...
In quel caso, si va incontro a forti sanzioni e forse anche al temporaneo oscuramento del sito o blog.
Spero di essere stato chiaro ma ti rinnovo l'invito a leggere molto attentamente il disegno di legge e tutto ciò che vi è correlato.
Ciao!

Post più popolari