giovedì 3 aprile 2008

Sangue e Merda e Zucche

A me piacciono le zucche, non so a voi. Il colore. E le robe che ci si fanno per Halloween. Mi hanno sempre inspirato simpatia. Le zucche che diventano carrozze mi stanno invece alquanto sulle palle, ma quelle che cantano possono essere interessanti. Andate di 1979, queste sono le Smashing Zucche. E vi prego, che qualcuno confermi la teoria del Santo che Billi Corgan era il ragazzino che recitava in Super Vicky. Ti credo che si è ridotto così, quel telefilm faceva venire l’orticaria.

Noi intanto ci gettiamo in picchiata sul discesone della morte che porta verso il mare del Sud-Est. Tronfi e felici sulla nostra Ford Pumpkin. Già perché lo sportello anteriore sinistro ha cambiato colore. Ora è arancio. Esattamente da quando Pusher ha deciso che doveva pisciare e si è fatto estirpare la portiera da un leggerissimo autotreno guidato da un simpatico beone armeno. Fortuna che qua non mancano mai gli sfasciacarrozze…

Felici nonostante i nostri piccoli problemi con le rispettive chiome. Guru ci mette meno a lavarsi la testa che a scrostarsi le ascelle. Pusher produce talmente tanta forfora che ha deciso di spacciare anche quella insieme ai tocchi di fumo – pare proprio coca – sostiene orgoglioso. Il Santo era biondo. Ora non si sa come cazzo è successo ma è castano scuro. Sostiene siano gli effetti dello stress da lavoro e del buco dell’ozono. Ma a noi dopotutto e sinceramente non ce ne frega assolutamente niente. Almeno non oggi che c’è il sole. Almeno non oggi che l’ubriacone armeno di cui sopra è volato giù per un dirupo con tutto il suo fottutissimo mezzo. Almeno non fintanto che le nostre ossa rimangono aggrappate alla pelle invece che allo sterco di vacca nel tentativo di concimare qualche camposanto. Almeno non fintanto che come dice Guru – le palle non ci si seccano e gli spermatozoi si permettono ancora il lusso di nuotare alla Pietro Mennea. – Non è un patito di sport. Scusatelo.

Esatto. A noi non ce ne frega niente di niente. Non oggi che abbiamo un piano. Il piano. Suddiviso in quattro punti cardine.
Primo. Analisi dell’environment e studio di un approccio al target – Titolo1: capire dove cazzo sta esattamente Igor e di quanti scagnozzi dispone.
Secondo. Procurement dei necessari mezzi atti a confrontarsi col target – Titolo2: prendere contatto col Kurdo e mettere insieme la ferraglia per metterla nel culo agli scagnozzi di cui al punto precedente.
Terzo. Deployment del progetto tenendo in conto l’obiettivo e i risultati dell’analisi dei rischi – Titolo3: gettarsi nella mischia sperando di sopravvivere e che Dio ci aiuti soprattutto a non spararci addosso uno con l’altro.
Quarto. Collaudi col cliente in clima di massima soddisfazione da ambo le parti, accettazione e relativo pagamento magno cum gaudio. Titolo4: recuperare quello stronzo di Jin e darsela a gambe levate correndo con le spalle sempre al muro e sperando di salvare le chiappe.

Che poi, per festeggiare, anche a noi ci attende una grossa mangiata con massimo godimento. Chef sta già preparando il tutto. Ha comprato casse di cibo. E anche qualche cassa di legno per rispedirci in patria se qualcosa come probabile dovesse andare storto. Dice che non c’è problema che tanto le spese per il rimpatrio le copre l’Azienda. Forse. Li meglio mortacci loro.

E già che parlando di zucche mi sono dimenticato di citare quelle vuote. Ricordatevi che se vi ritrovate con una zucca vuota al di sopra delle spalle allora siete fortunati. Minimo minimo avete a portata di mano il posto di Amministratore Delegato di qualche azienda. A patto che abbiate Roberto Carlos che vi spari un calcio su per il culo e vi spari in orbita. E a patto che vi troviate in Italia. Mi ricordo a Borbona da piccolo quando arrivavano le giostre. La nostra favorita era guarda un po’ quella del Calcinculo. Spero ve la ricordiate. Ho la netta impressione che fosse un’invenzione del governo per formare le nuove generazioni a quella che sarebbe stata l’italietta del terzo millennio. Fanculo. Ma un giorno qualcuno le farà saltare quelle zucche. A costo di ricorrere alle pallottole. La speranza è l’ultima a morire.

Jin, testa di zucca, tu intanto aspettaci. Il tempo di recuperare un po’ di grana al Bancomat e siamo da te. Non vediamo l’ora. Porca zucchina.


1 commento:

Notebooks ha detto...

Hello. This post is likeable, and your blog is very interesting, congratulations :-). I will add in my blogroll =). If possible gives a last there on my blog, it is about the Notebook, I hope you enjoy. The address is http://notebooks-brasil.blogspot.com. A hug.

Post più popolari